Modena, 28 giugno 2018. “Gruppo di Studio e di Lettura” di Psicoterapia e Scienze Umane.

Il giorno 28 giugno 2018 si terrà a Modena, con il coordinamento di Dante Comelli, il secondo incontro dell’anno 2018 del Gruppo di Studio e di Lettura. L’incontro sarà introdotto da un intervento di Dante Comelli sul tema “La moderna teoria dell’attaccamento e la teoria della regolazione affettiva, secondo la prospettiva di Daniel Hill”. Il programma 2018 del Gruppo di Studio e di Lettura tratta il tema “Regolazione affettiva e trauma relazionale” ed è centrato sulla lettura di brani scelti tratti da “Teoria della regolazione affettiva. Un modello clinico”. Autore del testo è Daniel Hill, psicoanalista statunitense, fondatore e direttore del Center for the Study of Affect Regulation (New York). Verrà esplorata l’ipotesi, avanzata da Hill, dell’importanza dei ‘traumi relazionali’ come origine dei disturbi della regolazione affettiva. Un’attenzione particolare sarà riservata alla parte clinica e alla teoria dell’azione terapeutica fondata sul modello della regolazione affettiva. Nell’opera di Daniel Hill l’attenzione per l’approccio neurobiologico (la psiconeurobiologia dello sviluppo affettivo di Allan Schore) si coniuga con gli approcci terapeutici derivanti dai lavori di Daniel Stern e del Boston Group, Peter Fonagy e dalla ‘teoria dell’attaccamento moderna’. Verrà fornita ai partecipanti una bibliografia essenziale di riferimento e di volta in volta saranno indicati alcuni articoli scelti tra quelli indicati. In preparazione di ogni incontro è consigliata la lettura dei testi indicati (mediamente 40-60 pagine per incontro). Ogni incontro si apre con un’introduzione del coordinatore e/o di membri del gruppo concernente il tema del giorno. Gli incontri hanno la durata di due ore e si svolgono di giovedì, dalle ore 17,30 alle ore 19,30 nelle seguenti giornate: 3 maggio, 28 giugno, 4 ottobre, 6 dicembre. Sede dell’iniziativa: Modena, via...

Soliera (Mo), 16 giugno 2018. Umberto Curi e Alberto Merini ai “Seminari d’estate” di Psicoterapia e Scienze Umane.

SEMINARI D’ESTATE 2018 Nel corso della giornata si terranno due Seminari. Tema del primo Seminario: “L’uso della paura come strumento di potere e di governo” Relazione introduttiva di Umberto Curi. Ospite del primo Seminario d’estate di Psicoterapia e Scienze Umane, quest’anno sarà Umberto Curi. Umberto Curi è Professore emerito di Storia della filosofia nell’Università di Padova. Ospite del Festival Filosofia di Modena, nel 2016, ha tenuto una lezione magistrale dal titolo “Lotta per la pace”. Tra i suoi testi ricordiamo: “I figli di Ares. Guerra infinita e terrorismo” Ed. Lit Edizioni (2016), “Endiadi. Figure della duplicità” Ed. Raffaello Cortina (2015), “Via di qua. imparare a morire” Ed. Bollati Boringhieri (2011), “Straniero” Ed. Raffaello Cortina (2010), “Le parole della cura. Medicina e filosofia” Ed. Raffaello Cortina (2017) Nella sua lectio introduttiva Umberto Curi commenterà una sentenza di Immanuel Kant: “La paura è la voce di Dio alla quale tutti gli animali obbediscono” (I. Kant, 1786 “Presumibile inizio della storia umana”). Nel corso della discussione successiva interverranno Giorgio Meneguz (Verbania) e Dante Comelli (Modena).   Tema del secondo Seminario: “Osservazioni su alcune attività del Centro di psichiatria multietnica ‘Georges Devereux‘ di Bologna” Relazione introduttiva di Alberto Merini. Ospite del secondo Seminario d’estate di Psicoterapia e Scienze Umane sarà Alberto Merini. Alberto Merini è medico, psichiatra, psicoterapeuta di formazione psicoanalitica. E’ Presidente della Associazione culturale Psicoterapia e Scienze Umane e membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Psicoterapia Medica. Insieme Pier Francesco Galli tiene la rubrica Tracce sulla rivista Psicoterapia e Scienze Umane. E’ stato docente di Psicoterapia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna. Ha insegnato nel Corso di Laurea...

Parma, 12 giugno 2018. “Seminari Clinici” di Psicoterapia e Scienze Umane.

Il giorno 15 maggio 2018, con il coordinamento di Stefano Bianchi e Giovanna Bertoloni, a Parma si terrà un incontro di discussione clinica, nell’ambito dell’iniziativa “Seminari Clinici”.  Silvia Marchesini (Parma) e Stefano Bianchi (Parma)  discuteranno un caso clinico presentato da Giovanna Bertoloni. L’incontro avrà luogo dalle 10,30 alle 13,00 nei locali della Società Parmense di Lettura e Conversazione, via Melloni 4 A. Psicoterapia e Scienze Umane organizza a Modena, a Bologna e a Parma, per l’anno 2018, un percorso di supervisione denominato Seminari Clinici rivolto a psicoterapeuti, psichiatri, psicologi interessati ad approfondire i temi della clinica, della tecnica e della teoria della tecnica. Il percorso proposto rappresenta un contributo alla costruzione dell’identità terapeutica nella prospettiva della formazione culturale permanente. L’approccio dei Seminari Clinici è orientato alla valorizzazione del confronto teorico-clinico tra posizioni diverse all’interno della psicoanalisi e tra sistemi clinico-concettuali differenti. Per informazioni contattare Stefano...

Bologna, 9 giugno 2018. “Seminari Clinici” di Psicoterapia e Scienze Umane.

I “Seminari Clinici” sono incontri di supervisione e discussione di casi clinici. Psicoterapia e Scienze Umane organizza a Bologna, per l’anno 2018, un percorso formativo denominato Seminari Clinici di Bologna, rivolto a terapeuti preferibilmente con impostazione formativo/ teorica differente ma con un esperienza clinica in corso. I gruppi sono condotti nell’ambito di una concezione psicodinamica della relazione terapeutica a cui il gruppo offre una specifica amplificazione delle dinamiche transferali e controtransferali che inevitabilmente si attivano nel corso di ogni cura. Le “zone di sordità” del terapeuta aprono, attraverso il gruppo, a nuova possibilità di ascolto. Il prossimo incontro dei “Seminari Clinici” di Bologna si terrà il giorno 9 giugno 2018. L’iniziativa formativa consta di un ciclo di cinque incontri di supervisione e discussione clinica.  Orario: dalle 9 e 30 alle 12 e 30 presso “Psicoterapie Studio”, via Ranzani 5/10 . Sono previsiti 5 incontri: 13 gennaio, 10 febbraio, 10 marzo, 21 aprile, 9 giugno 2018 Gli incontri sono condotti da Adriana Grotta (Bologna) e da Euro Pozzi (Bologna). Per...

Modena, 5 giugno 2018. “Seminari Clinici” di Psicoterapia e Scienze Umane.

Nell’ambito dell’iniziativa “Seminari Clinici” coordinata da Dante Comelli, il giorno 5 giugno 2018 (dalle ore 9,30 alle 12,00),si terrà a Modena un incontro di supervisione e discussione clinica.  Daniele Vecchi (Modena) e Dante Comelli (Modena) discuteranno un caso clinico presentato da Chiara Mascia. Psicoterapia e Scienze Umane organizza a Modena,  a Parma e a Bologna per l’anno 2018, un percorso di supervisione denominato Seminari Clinici rivolto a psicoterapeuti, psichiatri, psicologi interessati ad approfondire i temi della clinica, della tecnica e della teoria della tecnica. Il percorso proposto rappresenta un contributo alla costruzione dell’identità terapeutica nella prospettiva della formazione culturale permanente. L’approccio dei Seminari Clinici è orientato alla valorizzazione del confronto teorico-clinico tra posizioni diverse all’interno della psicoanalisi e tra sistemi clinico-concettuali differenti. Per...

Bologna, 19 maggio 2018. Roland Gori ai “Seminari Internazionali” di Psicoterapia e Scienze Umane.

Roland Gori (Marseille) interviene ai “Seminari internazionali” di Psicoterapia e Scienze Umane con una relazione dal titolo “Sognare il mondo per poterlo trasformare”.  Il seminario si terrà a Bologna il 19 maggio 2018 con inizio alle ore 14,30 presso l’Hotel Mercure. Nel corso del seminario sono previsti interventi di Lenio Rizzo (Padova), Mariangela Pierantozzi (Bologna), Giuliana Gagliani (Bologna). “Sognare il mondo per poterlo trasformare”. In questa epoca l’homo psychologicus, l’uomo della realtà psichica e della relazione simbolica non sembra incontrare grande fortuna. L’umano si è convertito ai dati del digitale e alle virtù delle meravigliose innovazioni tecnologiche incaricate di rivitalizzare un “mondo senz’anima”, un mondo che la fredda ragione tecnica, strumentale ed economica ha privato del sacro. Tale razionalizzazione morbosa del mondo e del soggetto è devitalizzante, alienante e cosificante. Posti di fronte a questa terribile minaccia, ci corre l’obbligo di riflettere su quale sia il posto della cultura, sulla funzione della parola, del racconto e della scrittura, per quanto concerne la fabbrica delle soggettività e del legame sociale. Se l’arte del racconto tende a venir meno, se la figura epica della verità tende a sparire, se le virtù deperiscono nelle forme corrotte delle nostre “democrazie della perizia e dell’opinione”, tutto questo avviene perché noi non abbiamo saputo preservare la nicchia ecologica dell'”uccello si sogno che cova l’uovo dell’esperienza”, come dice Walter Benjamin. La psicoanalisi, curandosi di ciò che è psichico attraverso l’esperienza del sogno e del suo racconto indirizzato ad un Altro, permette di dare una forma ad un destino. Detto in altri termini, la psicoanalisi rende possibile la creazione di un avvenire che non sia pura e semplice ripetizione. Per informazioni: Dante...